Ebbasta animazione sulla spiaggia!

filippo

Ebbasta con l’animazione
di Katia Mazzoni


Negli ultimi anni l’animazione sulle spiagge si è diffusa come una pandemia. Ragazzi appositamente selezionati, per lo più ventenni fisicamente instancabili, propongono acqua gin, balli di gruppo, giochi aperitivo e musica “tunz tunz tunz” a volumi da danno acustico. Spesso sono pure mascherati con improbabili, bizzarri costumi e parrucche che mettono a repentaglio la loro salute e suscitano il compatimento dei vacanzieri che li vedono sciogliere al sole. Ebbasta! Chiariamoci: io sulla spiaggia non voglio essere “animata”, semmai rivendico il mio diritto a svenire in pisolini ricorrenti, a cadere in uno stato catatonico da sole, bagni, settimana enigmistica e letture leggere. Passo 50 settimane all’anno tra rumori da stazione, suonerie di cellulari, annunci di altoparlanti e solo per circoscrivere la questione al mio pendolarismo. Non dico che sulla spiaggia io voglia il silenzio, ma nemmeno decibel da discoteca. Sulla ginnastica poi, già d’inverno non ho le energie necessarie, figuriamoci se ne spreco proprio in quei pochi giorni in cui dovrei recuperarle. Persino mia figlia si rifiuta di andare al mini club, appesantita da un anno di attività organizzate. Come se i bambini non sapessero giocare in autonomia sulla sabbia. E inutile è fuggire sulle spiagge libere; a meno che non si approdi in calle isolate, l’eco dall’animazione arriverà dai vicini bagni. Sopprimiamo, o per lo meno arginiamo il fenomeno che, a onor del vero, ha come unico pregio quello di occupare un esercito di ragazzi per la stagione estiva… e coi ritmi che tengono, se non fossero ventenni schiatterebbero in fretta.

Ebbasta d’autore
di Katia Mazzoni
Foto di Filippo M. Fabbri

Annunci
19 commenti
  1. Tira, tira la palla – tunz tunz tunz – e allora ragazze, adesso tutti al mare a fare aerobica – tunz tunz tunz yeaaaa -uno due tre, giù la gamba, su la gamba – pum pum pum my my my mind – spingi a destra la pancia spingi a sinistra il collo – zum zum zum – ed adesso preparatevi con la scalata del chiosco del gelataio – zum zum zum – e chi non ce la fa, paga pegno oggi e domani non partecipa al triathlon da qui a Peschici – tunz tunz tunz
    “Scusi signora animatrice..”
    “Si?”
    “Ma sono 450 km da qui alla Puglia… li facciamo sulla spiaggia?”
    “Certo tesoro. Mica vogliamo rompere le palle solo qui??”
    Tunz tunz tunz

    Ed io mi chiedo se è peggio chi propone o chi, con convinzione, lo segue.
    D’Flower & Gayana – Stand in the Rain (Original Mix)

    • È la legge della domanda e dell’offerta. Se l’animazione c’è, qualcuno la vuole

  2. gianni ha detto:

    Perché ti devi divertire sulla spiaggia, DIVERTIREE CAPITOOOO????
    Se non fai ginnastica a mollo tipo asparago, se non balli, fai ape, ti fai le foto e le socializzi, vestita/o da ape maya!! Che ci vai a fare al mare? 😀 😀

      • gianni ha detto:

        Ahahahah di sicuro e ora in piedi hop hop hop hop! 😉

      • Sto già saltando. Vai sulla fiducia

  3. E’ così che ca il mondo oggi, purtroppo: se qualcuno non ti organizza il divertimento, sei incapace di divertirti. Anche non fare nulla e’ un reato…

  4. sabato83 ha detto:

    In effetti sono una gran scocciatura, sopratutto quando tu stai per i fatti tuoi, e questi vengono vicino e insistono perché tu vada a farti animare da loro. Questi sono i peggiori.
    Quando ero più piccolo, per evitare di essere rotto le scatole, appena li vedevo appostati, pronti per venirmi a prelevare dall’ombrellone, partivo con un finto sonno. Sono riuscito a scamparmela molte volte 😀

      • Ho visto bambini nascondersi sotto i lettini per sfuggire alla baby dance!

      • sabato83 ha detto:

        A quei tempi non era ancora molto aggressivi 😀

  5. Aldievel ha detto:

    Gli animatori da spiaggia…
    Siamo a confronto con persone che non so se includere nella specie umana. Probabilmente sono fermi allo stadio evolutivo precedente.
    In ogni caso bisognerebbe dotarsi di fionda (o di un bastone) quando si va al mare.
    Ciao!

    • No, dai! A bastonate no. Mi spiace pure che loro sono lì a guadagnarsi la pagnotta… Maledetta empatia

      • Aldievel ha detto:

        Io non riesco ad essere empatico con questa gente…

  6. tiZ ha detto:

    nOoooo li detesto tuttiiiiiii !! BBASTAAAA!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: