Sintonie cromatiche, di Luca Vitali (prima parte)

funettaluca

Da un po’ di tempo, più o meno da che mi capita, per una ragione o per l’altra, di guardare i libri con particolare attenzione per il loro aspetto materiale, sporgendomi cioè più in là del margine della copertina e della carta che essa racchiude, considerandoli anche nel contesto e nel luogo in cui si trovano (qualche esempio di queste osservazioni sono state pubblicate su Cartaresistente), noto accostamenti fortuiti in cui leggo significati che mi fanno pensare a impreviste corrispondenze. Al punto che mi viene ormai da considerarli veri e propri eventi di sincronicità, tra ambiente e libro, tra libro e libro, tra me e loro, e addirittura tra questi e i miei vestiti (involucro meets involucro?).
Sarà un caso? Certamente. Non di meno, non posso non rivelarle queste sfumature, che fanno sicuramente parte della “nuova (r)esistenza” del libro cartaceo, oggetto che, da quando è stato liberato dal peso del suo contenuto immateriale, è come sempre – inalteratamente – presente nella matericità della sua esistenza fisica, che entra in molteplici relazioni in questo mondo (e anche in quell’altro, ovviamente).

Oppure: non è evidente che le “affinità” si mostrano anche tra libri e libri, o con altri oggetti, senza di noi (to autòmaton lo chiamavano i greci)? A partire dalle varie corrispondenze con altri libri vicini ordinati in scaffale, siano di contenuto o di forma e colore, alle cose poggiate a caso su un tavolino, in attesa di una mano che le e li prelevi? Quante volte abbiamo ritrovato un libro proprio lì, nel posto dove ci aspettava paziente, per offrirsi a noi nel momento giusto?
Non è questa significativa casualità in fondo lo stesso principio che anima l’I-Ging, il principio della casualità che si fa espressione e ordine delle energie cosmiche?
Cerco di spiegarmi con un esempio, la foto qui sopra del libro di Funetta, su cui ho appoggiato il mio attuale segnalibro, formato da un doppio vecchio filo di cotone (reliquia di un fazzoletto ormai disfatto dal tempo). La mia memoria (raccolta nel segnalibro, poiché il segnalibro non è che un simbolo del procedere della nostra vita e della nostra memoria, “arrivata fin lì”) che s’incontra con la grafica della copertina, per dirmi qualcosa. Vaneggio? Ma se siamo disposti a credere alla memoria delle molecole d’acqua, perché non dovremmo pensare altri livelli di affini sintonie cromatiche, di forma, a “simmorfie”, senza farne necessariamente presagi magici da interpretare come i fondi del caffé, accontentandoci invece di leggerle come epifanie e manifestazioni casuali di un ordine che ci comprende e trascende? Perché dobbiamo stupire di fronte alle manifestazioni dell’infinito rapporto tra materia e forma quando sorprendiamo le regole dell’accrescimento indicate da Mandelbrot in una gemma, nel bocciolo di un fiore, nel germoglio di una felce – e non in un filo di cotone poggiato casualmente su un libro – che traccia il disegno di una sacca, sorta di pancia gravida che racchiude lo scheletro di un serpente, simbolo ctonio e dell’uovo cosmico per eccellenza? Certo tutto è tutto e nello stesso tempo nulla – lo sappiamo: e allora vivaddio, riconosciamolo anche, quando ci appare, nel volo di una farfalla come nella copertina di un libro.

(Qui sotto invece: quattro “cose” prese a caso da leggere sulla sdraio dopopranzo. Cosa mi dicono questi colori, cosa racchiudono queste pagine per me? Non c’è forse un senso – come hanno indagato tanti artisti del ‘900 – in ogni composizione?)

CAM03565

Testo e foto di Luca Vitali
http://montaonda.blogspot.it

Annunci
4 commenti
  1. Credo possa starci questa sincronicità e poi crederci non fa male a nessuno! Io anche penso che si crei qualcosa tra il libro e me, tra il libro e la situazione che sto vivendo: perchè ho scelto di leggere proprio quel libro non sapendo che raccontasse perfettamente la situazione in cui mi trovo?!

    P.S.: che ne pensi del libro di Funetta?

    • Giusto, già la scelta di un libro coglie una sintonia.
      Se lo chiedi a me penso che quello di Funetta sia un bell’esordio. Non so cosa ne pensi Luca.

      • Io sono andata ad una sua presentazione e mi era piaciuto molto!

  2. luca808 ha detto:

    scusate ero via: certo, le sintonie sono ovunque le si coglie (per il fatto stesso che le si coglie). Funetta? Scrive bene, ma non mi basta, io sono un po’ stufo di questa letteratura (come anche ultimi Moresco e Ammanniti) che vede solo l’abominio dell’uomo e non la luminosa bellezza del cosmo (e quindi dell’umano stesso). Il mondo dove vivo io, quello dominato dall’elemento naturale per intenderci, è anche pieno di colori e splendori non sintetici, di bambini e adulti felici e contenti, magari addirittura genitori e figli insieme (lo so sembra un paradosso, o un’idiota speranza pseudocattolica -ma non è così, la wilderness è terra pagana).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: