L’ultimo dei Mohicani

mohicani1

Dalla presentazione (non firmata)
L’ultimo dei Mohicani, che iniziò la gloriosa dinastia dei western, è certamente un romanzo d’avventure, dei più drammatici e avvincenti, pieni d’azione e di fascino; ma è anche un romanzo storico, in cui la realtà si camuffa da mito. Per esso James Fenimore Cooper – il primo dei nuovi, grandi narratori americani – si ispirò alla storia di un mondo che, quando il libro venne scritto, nel 1826, era già scomparso per entrare nella leggenda, anche se i fatti narrati erano avvenuti appena mezzo secolo prima. Il titolo stesso si preoccupa di avvertire, con malcelata accusa, che tutto ciò che viene narrato non esiste più. Uncas (l’indiano leale e coraggioso, autentico figlio della natura, a cui si riferisce il titolo) non è alla lettera “l’ultimo” dei Mohicani; ma il suo popolo era già stato condannato all’estinzione da un “progresso” fatto di intolleranza, di corruzione, di spietato egoismo.

mohicani2

James Fenimore Cooper, L’ultimo dei Mohicani
illustrato da Alarico Gattia, traduzione di Bianca Vercesi Gagni
(Mondadori, prima edizione 1981)

Annunci
4 commenti
  1. EPico è straziante. La fine di un popolo. Non sapevo avesse quasi due due secoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: