I cinghiali della letteratura italiana

cinghiali

Cinghiali sardi e cinghiali toscani

Gesuino Némus, La teologia del cinghiale (Elliot)
Luglio 1969. Durante i giorni dello sbarco sulla luna, a Telévras, piccolo paese dell’entroterra sardo, due ragazzini vengono coinvolti in una serie di eventi misteriosi. Il primo è Matteo Trudìnu, talentuoso figlio di un sequestratore latitante; l’altro è Gesuino Némus, un bambino silenzioso e problematico, da tutti considerato poco più che un minus habens. Amici per la pelle, i due godono della protezione di don Cossu, il prete gesuita del paese, che si prende cura di loro come fossero figli suoi. Un giorno il padre di Matteo, scomparso da settimane, viene trovato morto a pochi chilometri di distanza da casa. Il maresciallo dei carabinieri De Stefani, un piemontese che fatica a comprendere le logiche del luogo, inizia a indagare con l’aiuto dell’appuntato Piras e dello stesso don Cossu ma, con l’avanzare dei giorni, le cose si complicano e spunta fuori un altro cadavere…

Vincitore Premio Campiello opera prima
Vincitore Premio Bancarella 2016
Vincitore Premio John Fante

Giordano Meacci, Il cinghiale che uccise Liberty Valance (minimum fax)
Nell’immaginario paese di Corsignano – tra Toscana e Umbria – la vita procede come sempre. C’è gente che lavora, donne che tradiscono i propri uomini e uomini che perdono una fortuna a carte. C’è una vecchia che ricorda il giorno in cui fu abbandonata sull’altare, un avvocato canaglia, due bellissime sorelle che eccellono nell’arte della prostituzione e una bambina che rischia la morte. E c’è una comunità di cinghiali che scorrazza nei boschi circostanti. Se non fosse che uno di questi cinghiali acquista misteriosamente facoltà che trascendono la sua natura. Non solo diventa capace di elaborare pensieri degni di un essere umano, ma, esattamente come noi, diventa consapevole anche della morte. Troppo umano per essere del tutto compreso dai suoi simili e troppo bestia per non essere temuto dagli umani: «il Cinghiale che uccise Liberty Valance» si ritrova all’improvviso in una terra di nessuno che da una parte lo getta nella solitudine ma dall’altra gli dà la capacità di accedere ai segreti di Corsignano, leggendo nel cuore dei suoi abitanti.

Vincitore Premio Lo Straniero 2016
Finalista Premio Strega 2016
Finalista Premio Procida-Isola di Arturo-Elsa Morante 2016 sezione Narrativa
Finalista Premio I Dialoghi di Trani

Annunci
5 commenti
  1. Ogni volte che lo vedo in libreria, Il cinghiale che uccise Liberty Valance mi tenta

  2. La tecnologia del cinghiale invece ha una copertina che mi respinge, ma la trama intriga

  3. il cinghiale che uccise L.V. è un gran bel titolo ed è accompagnato da una gran bella copertina, uno di quelli che potrebbe forse valere l’acquisto a scatola chiusa… poi, però, stavolta ho preferito non azzardare e concedermi la lettura delle prima pagine sull’estratto in pdf, sul sito di minimumfax, per farmi un’idea – e l’idea attuale è che lo metto in lista, sì, ma senza troppa premura. diciamo che non c’è stato nessun colpo di fulmine, tra me e meacci.

  4. Quello di Némus mi tenta parecchio… Ma anche l’altro, è il titolo che non mi piace… Ognuno è attratto da cose diverse… eheheh… 😀

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: