FP n. 208 – Di libri letti


È passato tanto tempo da allora e ho voluto con vigore riannodare i fili per tessere il ricordo.

Tra un filo e l’altro rievoco, perché serve, anche pezzi di preghiera che recitavo da bambina pentita che di nascosto leggeva libri che di preghiere non parlavano.

Ora il filo è teso e non mi devo più nascondere per leggere libri, anche quelli di un tempo quando ero peccatrice.

Ricordo, perché è un bene non dimenticare quello che ho già scoperto, già fatto, già vissuto e per questo, adesso, i tanti libri letti valgono doppio.

FP n. 208 – Testo di Vittoria Selenia
Foto di Filippo Maria Fabbri

Annunci
1 commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: