Il fastidio di Chiara

Una colata di fastidio

Come ogni mattina apro il mio computer e scrivo una media di 15 mail al giorno.
Di queste 15, il 20% riceve risposta quasi immediata, il 40% riceve risposta dopo ore e anche il
giorno dopo, il 20% non riceve risposta se non dopo 1 o 2 mail di sollecito, la seconda di solito
anche poco carina, e il restante 20% non riceve risposta per nulla, zero, morto defunto.
Ecco, io quel 20% lo defenestrerei all’istante!
Una volta almeno si faceva scarico sulla posta, sul postino lento, che gettava la posta nei cassonetti
per recuperare il tempo, sull’indirizzo sbagliato, sul francobollo perso, mille scuse possibili per una
corrispondenza non ricevuta.
Ma ora, se sbagli indirizzo la mail torna indietro, quindi nessuna scusa, se la gente non risponde è
proprio maleducata.
E non parlo di mail personali, per quelle esistono altre strade, il telefono o l’incontro/scontro diretto.
Ci si spiega e tutto si risolve o non si risolve per nulla.
Qui parlo di mail di lavoro, richieste di preventivi, di saldi, di consulenze.
Il più delle volte si tratta di mail che invio a risposta di una richiesta e che finiscono nell’oblio.
Dove sia questo oblio non si sa; se lo sapessi riverserei lì dentro tutto il fastidio che provo. Una
colata di fastidio e bon, cementati nel loro oblio, per sempre.

Fastidio di Chiara Lorenzetti

Annunci
10 commenti
  1. lois ha detto:

    E ne vogliamo parlare quando negano persino l’accettazione documentata della posta certificata? Altro che virtuale, la maleducazione è vera e tangibile!

    • Ciao Lois, questo non mi è ancora mai successo, però mi è successo che mi si richiedesse di mandare una mail a conferma del fatto di aver mandato una mail certificata: mancava ancora mi chiedessero di inviare un fax! . Maleducazione e follia, questo anima il web.

  2. a parziale giustificazione: quelle “solo apparentemente personali” sono una marea. troppe. ricevo ogni giorno dai 5 ai 10 inviti di partecipazione a congressi o sottomissione lavori. senza scortesia, ma la mia risposta è pari al livello di spam che hanno raggiunto. sulle altre, dirette e personali, invece, d’accordissimo con te.

    • Io parlo proprio di quelle personali, intendo richieste di preventivi che mi fanno, richieste di collaborazione, sempre fatte direttamente a me. Non parlo di mail che mando io a richiesta di qualcosa, questo si sa che spesso viene perso nel delirio di mail che riceviamo. Io ogni settimana faccio controllo newsletter e mi tolgo da quasi tutte, immagino lo facciano anche gli altri.
      C’è però da dire una cosa: quando mi capita di rispondere ad inviti anche se non interessata, ricevere: “grazie per la sua risposta” è sempre gratificante.

  3. L’ha ribloggato su squarcidisilenzioe ha commentato:
    Questa mattina sono ospite su Carta Resistente: apro io il progetto “Settimana d’autore” arrivato quest’anno alla 3° edizione. Dopo “Ebbasta” e “Buoni propositi”, quest’anno tocca a “Fastidio”.
    Fastidio per qualcosa, qualcuno, un atteggiamento, un modo di fare, fastidio generico o personale.
    Il mio fastidio è contro le persone che non rispondono alle mail.
    E lo racconto nel mio post “Una colata di fastidio”
    Grazie a Carta Resistente per i bei progetti e per l’ospitalità.

  4. A volte e’ meglio non ricevere risposta piuttosto che quelle tipiche del mio capo a mail di venti righe in cui metto tre o quattro argomenti.
    Il reply in genere e’: …ok… (così scritto). Il che mio lascia sempre col dubbio se la mia mail sia stata davvero letta.

    • Prova a mettere un argomento sconvolgente, qualcosa di assurdo e invia: se risponde “…ok…” allora hai la conferma che non legge.
      Però che rabbia, in fondo è solo questione di organizzarsi, decidere cosa è importante e dedicarsi. Ma temo che questa sia un’epoca in cui siamo sballottati nel mondo del nulla e lì ci perdiamo le cose che contano.

      • Perfettamente daccordo quando dici: “Ma temo che questa sia un’epoca in cui siamo sballottati nel mondo del nulla e li ci perdiamo le cose che contano”.

  5. tiZ ha detto:

    Le risposte mai ricevute da fornitori che paghiamo sono quelle che mi mandano più in bestia !!! Io ti pago e manco una mail di risposta che lasci traccia??? Anatemaaaa !!!

    • Ecco, anche loro. Come i clienti a cui mandi per interposta persona un lavoro finito e nemmeno ti dicono se va bene.
      Anatema davvero, uno sterminio 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: