FOCAL POINT n. 238 – Scandaloso divano



…poi sei salito dritto e ho perso i sensi, ma ero al sicuro e mi sono lasciata andare, persa per sempre nella tua stessa frenesia di arrivare a compiere l’impresa.

Ero tutta li che avvolgevo con il meglio di me il tuo non inerte e caldo, rigido ardente tizzone che accendeva il mio monte ormai pronto a bruciare.

Il velluto striato ci avvolgeva e le sedute erano un letto ben disegnato contenente la massa di calore emanato dai corpi. E confesso: ho pensato che di noi avrebbe lui portato per sempre gli odori più distanti da un buon profumo.

Diciamo che la carne è carne e fai fatica a non darle ascolto quando chiama e la ragione sparisce, in qualunque posto tu sia. Ma ho assorbito io per tutti tutto quello che ne usciva in quel momento e direi: mai provato niente di simile per salvare noi tre.

Adesso ogni volta che ti vedo dico che sei scandaloso e sei solo un divano nel soggiorno e… devo per forza cambiarti, mi dico, perché: mai affezionarsi alle cose che ti rimandano ricordi così intensi, prima o poi ci ricaschi e non sarà la stessa cosa.

FP n. 238 – Testo di Vittoria Selenia
Foto di Filippo Maria Fabbri

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: