archivio

Un libro sotto l’albero 2014

/home/wpcom/public_html/wp-content/blogs.dir/131/36870590/files/2014/12/img_8587.jpg

L’è dura. L’è dura perché quei bischeracci di Cartaresistente han penzato bene quest’anno di proporre, pe’ la letterina a i‘ bbabbino natale, pe’ chiede’ un tomo sotto l’alberello dico, han penzato bene, dicevo, che tutti noi lo si scriva nel proprio vernacolo. Ovvia, che vi pare?
continua a leggere

Un libro sotto l'albero - Congo

Mè a vliva un léber sàta al mé èlber ed Nadel ch’al s’intitola Congo. Al n’è brisa un léber italian, l’è belga, però al pèrla ed l’Àfrica, per la precisiaun dal Congo. Mo s’at in frega a tè dal Congo, a gi vu èter. A soun curiosa! E la mé curiosité la m’è gnuda da un léber ch’a jò lèt ed quater surèli ch’i van a véver in Congo da l’Àmerica in t’i an s’santa, quand al Congo l’è gnu indipendèint dal Belgio. N’ètra curiositè la m’è po’ gnuda anch da un spetacol ch’a jò vést a teàter ch’al m’è piasu dimondi: “Coup fatal”. Anca chè a gh’è d’mez al Belgio, che al coreografo l’è Alain Platel, ma dèinter a gh’è anch al Congo, che i musicèsta e i balarèin i éren tòtt di africàn ed cal paes lè. E insàma, adèsa a vrév savér quèl éd piò éd cla tèra e a pèins che in sètsèint fój éd léber a gh’è dimondi quèl.

Il dialetto che ho usato è il modenese e devo dirvi che usarlo mi porta sempre verso una esposizione un po’ contadina dei miei pensieri, direi terra terra, perciò abbiate pazienza, questa è la traduzione letteraria di quanto sta scritto sopra:
continua a leggere

IMG_8354.JPG

Ho un conto in sospeso con Diego. Un debito da pagare. Per tre volte, l’inverno scorso, avrei potuto incontrare lui e il suo autore che lo presentava, ma ho disertato, anche se poi l’ho incontrato, quasi per caso, un pomeriggio solitario, esposto in tavole originali nei corridoi della Biblioteca Civica. Ci siamo piaciuti io e Diego. Nonostante gli anni che ci dividono siamo nati nella stessa terra, luogo di Resistenza che lui ha vissuto in prima persona. Sò péder l’era fasèsta, la sò ambrosa l’era in mutagna, coi partizan. E lò?*… Mi piace Diego perché mi racconta la sua storia nella Storia; un romanzo di formazione, d’amore e di guerra, con parole e disegni in bianco e nero. Una Graphic Novel, anche se Diego la chiamerebbe Fumetto.

[*Suo padre era fascista, la sua morosa era in montagna coi partigiani. E lui?]

Roberto Baldazzini. L’inverno di Diego. Le quattro stagioni della Resistenza. The Box Edizioni, 2013.

Libro desiderato da Katia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: