Alessandro Calabrese è un venticinquenne emiliano; aspetto un po’ rude, temperamento passionale, atteggiamento sorridente, voce calda e profonda. Neolaureato in Letteratura, allenatore di una squadra giovanile di rugby, bracciante al bisogno nell’azienda agricola familiare. Viene da chiedersi se ci sia qualcosa che non sappia fare.
Irrimediabilmente contaminato dalle più peccaminose sonorità Rock e Metal, ha scritto un testo intriso di musica e riflessioni, il cui stile diretto e apparentemente lineare rivela il grande pregio di saper scegliere sempre il ritmo più intonato alla narrazione.
Con il suo primo romanzo, intitolato “T-Trinz”, è arrivato dritto in finale alla 29° edizione del Premio Italo Calvino, dimostrando a sé stesso che quando ci si mette sa fare bene pure lo scrittore.
leggi l’intervista



Gli amici di Platò stanno realizzando A book about hands è un libro e un progetto internazionale indipendente che coinvolge 47 artisti da 13 nazioni e che ospita immagini, di pubblico dominio, provenienti da grandi musei e collezioni in giro per il mondo. Impossibile riassumere in poche righe tutto il lavoro, la cura e il mestiere d’altri tempi necessari alla realizzazione del progetto, per cui vi rimando QUI, dove è possibile contribuire.

http://www.platoplato.com/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: